Separazione: l’email inviata all’amante prova il tradimento

Con l’ordinanza numero 16980/2018  la Cassazione ha ritenuto sufficiente ai fini del tradimento e dell’addebito della separazione anche lo scambio di email fra il coniuge e l’amante.

In particolare, nel caso sopra disciplinato il marito aveva riferito a mezzo email alla presunta amante la volontà di allontanarsi dalla moglie per  ragioni personali.

Detta condotta dimostra per i Giudici l’intollerabilità della convivenza tra i coniugi a causa della relazione extraconiugale del marito che emergeva proprio dal contenuto della mail

La Cassazione ha precisato che ai fini dell’addebito della separazione è necessario provare la condotta contestata e la sua efficacia causale nella determinazione dell’intollerabilità della convivenza.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *